Loading

Studio DF

studio per un pianista
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME
SEO NAME

Studio DF

studio per un pianista

Interior renovation

Lo studio è situato al piano terra di un edificio storico nel centro di Bologna.

La richiesta del committente, noto pianista a livello internazionale, è stata di ricavare uno spazio dove poter suonare ottenendo un’ottima resa acustica e non disturbando il vicinato. Il tema della resa del suono è stato uno degli aspetti fondanti attorno al quale si è snodato l’intero progetto. Le condizioni date dal contesto storico vincolato ci hanno suggerito di operare recuperando la struttura originaria dello spazio eliminando tutto ciò che era spurio e incongruo. I tramezzi e i divisori interni aggiunti negli anni sono stati demoliti creando un unico open space. La scatola architettonica è stata interamente coibentata seguendo le indicazioni dell’ingegnere di cui ci siamo avvalsi per il progetto acustico. E’ stato necessario, infatti, uno studio attento sugli aspetti del fonoisolamento e del fonoassorbimento al fine di raggiungere una resa acustica equilibrata.

 

A livello architettonico, si è realizzato un soffitto a tre falde con diversa inclinazione in modo da creare tre piani di rifrazione del suono e mascherare gli archi originari che non si volevano mostrare nella nuova configurazione. A livello formale il desiderio è stato quello di creare un ambiente contemporaneo, minimale e connotato dove gli strumenti avessero il massimo risalto. I pannelli di correzione acustica, installati sopra ai muri al fine di garantire una corretta diffusione del suono, sono stati disegnati con una forma areodinamica che ricalca e ripropone l’inclinazione delle falde a soffitto. I pannelli sono forati secondo una sequenza psuedo random che, oltre a garantire e incrementare l’assorbimento delle medie e basse frequenze, disegna i prospetti in maniera caratteristica.

I colori tenui, il rivestimento omogeneo del pavimento e le luci nascoste sono stati scelti al fine di creare uno spazio discreto in cui gli strumenti -dal pianoforte, al clavicembalo, alla postazione digitale- siano, anche a livello visivo, i veri protagonisti dello spazio progettato.